• Requisiti e garanze di un prestito destinato a lavoratori autonomi

    I prestiti per i lavoratori autonomi sono una delle soluzioni ideate per coloro che non dispongono di una busta paga, che tendenzialmente costituisce per tutti gli istituti di credito una delle principali forme di garanzia sulle operazioni. All’interno della categoria dei lavoratori autonomi rientrano i liberi professionisti dotati di partita IVA e tutte quelle figure professionali che svolgono attività commerciali e di artigianato, anche se non in possesso di partita IVA.

    E’ risaputo che nonostante svolgano una normale attività lavorativa retribuita, i lavoratori autonomi hanno maggiori difficoltà ad ottenere un finanziamento rispetto agli altri, ciò in virtù della mancanza di una fonte di reddito mensile costante e dimostrabile. Questo perché i libri professionisti provvedono in modo autonomo al loro compenso mediante il lavoro, dunque gli unici documenti che possono attestare il loro reddito sono il modello unico e la dichiarazione dei redditi.

    Nonostante questo tale tipologia di prestito esiste perché richiede requisiti diversi rispetto alle classiche soluzioni finanziarie, ad esempio i documenti che offrono garanzie reddituali prima citate, in modo che l’istituto di credito possa valutare l’affidabilità creditizia del richiedente in relazione alla retribuzione annuale percepita.

    In base ai risultati ottenuti il finanziatore può valutare la capacità del soggetto richiedente di restituire il capitale, ma visto che il compenso dei lavoratori autonomi non è costante e può subire forti variazioni da un mese all’altro ci sono delle limitazioni. In particolari in riferimento alla somma erogabile, di importo decisamente inferiore rispetto a chi possiede un contratto a tempo indeterminato, ma anche ala durata del finanziamento, che quasi sempre non potrà superare i 120 mesi.

    Infine, per quanto riguarda i tassi d’interesse, vista la particolare forma di prestito, saranno fissi e di una percentuale leggermente superiore a quelli medi, a garanzia dell’istituto di credito.