• Primi 9 mesi del 2016: +7,5% dei prestiti alle famiglie

    Il numero delle domande di prestiti effettuati dalle famiglie italiane continua a crescere, come rilevato nel mese di settembre 2016, in cui si è registrato un +4,2% rispetto allo stesso periodo del 2015. Questo dato ha portato l’ammontare complessivo della crescita delle domande nei primi nove mesi dell’anno in corso al +7,5%, un dato che consolida il trend di recupero e riporta la domanda ai livelli registrati nel 2011, con un leggero gap ancora da colmare per ritrovare i numeri pre crisi.

    Più nello specifico, secondo i dati diffusi da un’indagine dell’Eurisc, tantissime delle domande si sono concentrate sui prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi, come ad esempio le automobili, le moto, gli elettrodomestici e i viaggi, infatti questa categoria ha avuto un incremento del 9,4% rispetto al 2015. Per quanto riguarda i prestiti personali l’incremento è stato meno evidente, ma comunque significativo, si è registrato infatti un +4,7% nel confronto con l’anno precedente.

    Interessante anche l’importo medio dei finanziamenti richiesti, che secondo l’indagine si è attestato a 8.336 euro, somma maggiore del 5,6% rispetto a settembre 2015, ma non ancora vicina ai 9.500 € del 2008, dimostrando nuovamente quanto detto prima in relazione al recupero ancora non totale rispetto a prima della crisi. Per ciò che riguarda le fasce di importo delle richieste, sono preferite quelle inferiori ai 5.000 €, infatti rappresentano quasi la metà del totale con il 48,3%.

    A livello di fasce di età, in questi primi nove mesi dell’anno in corso, quella compresa fra i 45 e i 54 anni ha realizzato il maggior numero di richieste di finanziamento. Infine, in relazione alle classi di durata, quella maggiore ai 5 anni risulta la più apprezzata dai richiedenti, con il 23% dei consensi rispetto al totale.