• Prestiti per Giovani Coppie. Quali Agevolazioni

    Le giovani coppie fanno parte delle categorie considerate “svantaggiate” dal punto di vista creditizio, in quanto non hanno una lunga storia che possa rassicurare eventuali istituti di credito al momento di deliberare l’erogazione di un prestito, e allo stesso tempo non possono aver accumulato una certa somma a titolo di risparmio. Si verrebbe a creare così un paradosso perché chi ha maggiore necessità di ottenere un prestito, si trova di fronte alle maggiori difficoltà per ottenerlo. Per questa ragione esistono i prestiti destinati specificatamente alle giovani coppie (ovvero coppie sposate o di fatto formate da entrambi i componenti con età inferiore ai 35 anni), generalmente garantiti dallo Stato che stanzia dei fondi speciali direttamente o attraverso le Regioni.

    Per accedere a questo genere di prestiti (che spesso sono sotto forma di mutui per l’acquisto della prima casa), bisogna possedere i requisiti anagrafici e territoriali (poiché bisogna essere residenti della Regione che ha stanziato questi fondi), mentre per quanto riguarda quelli economici, nella maggior parte dei casi vengono erogati in via preferenziale a coloro che sono legati a contratti atipici di lavoro (in quanto incontrerebbero maggiori difficoltà ad accedere a finanziamenti da parte di banche e finanziarie). Le agevolazioni consistono nella coesistenza di tassi di interesse particolarmente vantaggiosi, rispetto alla media presente nel mercato bancario, e una parte del prestito a fondo perduto (che non prevede quindi l’obbligo di restituzione), oltre che una maggiore facilità nell’ottenere le somme di cui si ha bisogno, purché si resti al di sotto di un tetto massimo imposto dallo stesso ente che ha stanziato i fondi.

    Negli ultimi anni lo Stato ha sempre più spesso derogato le Regioni nello stanziamento di prestiti agevolati per giovani coppie, e direttamente si è offerto come garante nei confronti di banche con le quali ha stipulato particolari convenzioni (come è accaduto nelle ultime legislature con il fondo stanziato per le richieste di mutuo da parte di giovani coppie o single con figli a carico). In questo caso l’agevolazione consiste nella possibilità di accedere a prestiti che altrimenti sarebbero preclusi quasi sicuramente, ad un tasso leggermente più basso rispetto a quello praticato dalla banca normalmente.

    Le modalità di richiesta variano e sono indicate nei bandi che stabiliscono anche l’entità massima di ciascun finanziamento e i requisiti richiesti, per cui bisogna riferirsi di volta in volta al caso particolare. Per restare informati bisogna consultare i siti delle rispettive Regioni (nella sezione politiche giovanili) o recarsi presso gli uffici specifici. Nel caso del fondo dello Stato, bisogna invece consultare il sito del Ministero della Gioventù.