• Prestiti alle famiglie: +8,4% nel primo semestre 2016

    L’andamento positivo dei prestiti alle famiglie italiane prosegue in maniera decisa anche nel primo semestre dell’anno in corso, infatti in tale periodo si è registrata un aumento dell’8,4% delle domande di finanziamento rispetto allo stesso periodo del 2015. Tale crescita è stata agevolata dall’accelerata di giugno, dove il numero di richieste di prestiti, effettuati sia online che in modo tradizionale, è salito del 6,5%.

    I dati, forniti da Eurisc, consentono anche un’analisi più dettagliata delle tipologie di prestito più domandate, in particolare si evince che i prestiti finalizzati all’acquisto di auto, moto, viaggi e altri beni e servizi a vario titolo, hanno ottenuto un aumento del 13,1% in confronto all’anno precedente. La crescita dei prestiti personali non è andata oltre il 3,1%, questo dato si giustifica in relazione al fatto che questa forma prevede importi maggiori e durate più lunghe, quindi risultano meno abbordabili per le famiglie, specie in periodi di congiuntura economica negativa come quella attuale.

    I prestiti finalizzati hanno fatto registrare un importo medio richiesto pari a 5.533 €, sempre nei primi sei mesi del 2016, mentre per quanto riguarda i prestiti personali il valore medio rilevato si è assestato a 12.452 euro. Entrambi hanno registrato un incremento a livello numerico, ciò a riprova di una rinnovata fiducia da parte delle famiglie in virtù di qualche timido segnale di ripresa economica.

    Infine, a livello di distribuzioni per classi di durata, la preferita risulta essere quella superiore ai 5 anni, per una quota calcolata nel 23,3% rispetto al totale. Per quanto riguarda le fasce di età dei richiedenti, durante i 6 mesi del 2016 presi in considerazione è risultata prevalente la fascia compresa fra i 45 e i 54 anni, con la quota che si è attestata al 25,5% del totale.