• author
    • Elisabetta Todaro

    • dicembre 15, 2016 in Denaro

    In aumento l’importo medio dei prestiti personali

    Le domande di prestiti personali hanno visto aumentare i loro importi negli ultimi periodi, infatti le cifre medie sono aumentate dell’1,2% nell’arco di 6 mesi e di ben il 9% in un anno, giungendo a quota 11.200 €, facendo segnare dunque un netto recupero.

    Secondo alcune analisi il profilo medio delle persone che richiedono prestiti personali nel nostro paese è il seguente: nella maggior parte dei casi si tratta di un uomo (il 73%) dell’età di circa 40 anni e con la richiesta di restituire l’importo in 60 rate circa, disponendo di uno stipendio mensile medio di 1.570 euro. Il comparto in cui tale prestito viene più utilizzato è quello auto, in particolar modo quelle usate nel 22% dei casi sul totale delle richieste, seguono motivazioni legate all’urgenza di avere liquidità o fondi necessari a ristrutturare la propria abitazione, entrambi con il 15%.

    Per quanto riguarda le differenze di comportamento fra uomo e donna, si sostanziano sia a livello di importo richiesto che per lo stipendio con cui restituire la somma dovuta. Mentre l’uomo richiede un importo medio di 11.200 il gentil sesso lo fa per una media di 10.600 €, potendo contare su uno stipendio medio più basso, pari a 1.350 €. L’unico aspetto che accomuna entrambi i sessi è la motivazione principale per cui si cerca liquidità immediata, ossia quella di acquistare un auto.

    Effettuando una divisione a livello regionale, si scopre che quella che richiede importi più elevati è la Valle D’Aosta con 12.800 € medi, seguono la Sardegna con 12.000 € e la Calabria con 11.600 euro, mentre il fanalino di coda è il Molise con 9.800 € medi. Infine, un’ultima differenza riguarda la durata dei prestiti personali richiesti, con la Valle D’Aosta che si attesta a 65 mesi e il Molise che chiude a 55 mesi.