• Il Fondo di Solidarieta’

    Il Fondo Solidarietà per il mutuo come acquisto di prima casa, è entrato in vigore a Settembre 2010,
    ma sembra che ancora non abbia preso la giusta piega. E’ una operazione finanziaria che consiste
    nel sospendere le rate mensili del prestito, rivolgendosi alle famiglie in difficoltà economiche. Può
    accedere a questa richiesta: chi ha perso il posto di lavoro; chi ha subito la perdita di un familiare;
    chi deve sostenere spese mediche urgenti per malattia; chi deve ristrutturare l’immobile oggetto di
    mutuo. Altri casi speciali sono per agenti atmosferici, come terremoto, alluvioni, frane e altro che
    non dipenda dall’uomo. Si può sospendere il mutuo per un massimo di 18 mesi per importi richiesti,
    fino a 250.000 euro. Ma chi paga le rate? Un fondo che ogni Banca deve avere.

    Presentare una domanda di valutazione non comporta nulla e la consulenza è gratuita, ma per tale
    pratica, devono esserci valide ragioni per poter usufruire di questa agevolazione nei pagamenti.
    Gli stessi interessi maturati nel tempo di sospensione sono a carico della Banca. Una soluzione
    conveniente? Sicuramente se avete bisogno di un serio aiuto, il vostro istituto di credito può
    darvi una garanzia e voi avete tutto il tempo per organizzare al meglio la vostra situazione, che
    probabilmente con il tempo è cambiata. Una volta terminato il periodo di copertura del Fondo, si
    ritorna normalmente a pagare le rate mensili già concordate con la Banca, senza ulteriori variazioni.
    E’ importante dimostrare con documenti e prove verificabili, che il debitore non è in grado
    concretamente di pagare momentaneamente il mutuo, solo così si può accedere al Fondo.