• author
    • Lorenzo Zaia

    • marzo 12, 2016 in Denaro

    A febbraio 2016 record storico dei prestiti finalizzati

    Il mese di febbraio da poco trascorso ha lasciato in eredità dati incoraggianti in relazione alle richieste dei prestiti da parte delle famiglie italiane, facendo segnare un incremento dell’11% rispetto a febbraio 2015, dando così continuità ad un trend positivo che dura da diverso tempo, tutto ciò a riprova dell’aumento della fiducia.

    Più nel dettaglio, i dati forniti dall’Eurisc, mostrano andamenti contrastanti fra le due principali forme di finanziamento, infatti mentre le richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di auto o altri beni, hanno fatto registrare un balzo del 24%, segnando un aumento record dall’inizio delle rilevazioni, i prestiti personali sono scesi del 3,4%. Una notevole spinta a questa crescita è da cercarsi nei tassi particolarmente vantaggiosi delle promozioni e nella presenza dei finanziamenti online.

    Analizzando l’importo medio dell’aggregato dei prestiti richiesti nello stesso mese, si ottiene una somma pari a 8.430 euro, ciò in virtù dei 5.672 € dei prestiti finalizzati e i 12.312 € di quelli personali. In relazione alla durata dei finanziamenti, la classe maggiormente utilizzata è quella relativa a periodi superiori ai 5 anni, ciò con una percentuale che supera il 22% rispetto al totale.

    La distribuzione della domanda di prestiti per età di coloro he lo hanno richiesto, vede primeggiare anche in questo caso quelle centrali, infatti si piazzano davanti a tutti quelle comprese fra i 45 e i 54 anni (con il 25,4% rispetto al totale) seguita da quella che va dai 35 ai 44 anni, con il 24,3% rispetto all’ammontare complessivo.

    L’ultimo dato diffuso dall’Eurisc risulta particolarmente significativo e incoraggiante verso il futuro, infatti, dopo diverso tempo, sono tornati a segnare una crescita anche le richieste dei prestiti relativi ai giovani, ossia di coloro che hanno un’età compresa fra i 18 e i 34 anni.